Google attiva silenziosamente nuove metriche sulle prestazioni web

Google attiva silenziosamente nuove metriche sulle prestazioni web

Quest’estate apporta pesanti modifiche all’algoritmo di ricerca di Google. Gli sviluppatori di software e gli operatori di siti Web devono pensare a come mantenere il ranking dei propri siti al primo posto. Non farlo può avere un impatto devastante sul traffico. Google è andato online, all’inizio di questa estate, con il suo nuovo algoritmo Core Web Vitals per determinare le classifiche di ricerca. Con l’implementazione di Core Web Vitals come componente chiave del suo algoritmo Google ha preso la decisione ben ponderata di premiare i siti con le prestazioni migliori e che sono stati specificamente progettati per creare la migliore esperienza per gli utenti, secondo l’azienda.

Quel fattore di design è la chiave per mantenere le classifiche dei siti web in cima o vicino alla cima della pila digitale. Un altro elemento chiave è la continua dipendenza di Google da Next.js, un framework JavaScript che consente agli sviluppatori web di creare rendering lato server e applicazioni web statiche. Google ha apportato significativi contributi open source a Next.js, incluso il codice che consente alle pagine Web di caricare le immagini più velocemente.

L’implementazione di Google Core Web Vitals come aspetto critico del posizionamento nella ricerca sposta completamente gli sviluppatori web in una nuova era di esperienza utente guidata. Ciò ha un impatto diretto sui criteri di successo aziendale guidati dallo sviluppatore: gli aumenti delle prestazioni del sito Web hanno un impatto reale sul business. Secondo gli sviluppatori del progetto, miglioramenti appena misurabili possono comportare l’aumento o la perdita di notevoli quantità di entrate per i siti Web grandi e piccoli. La capacità di misurare in modo completo e accurato e quindi migliorare facilmente e rapidamente le cose che contano di più per gli utenti è la chiave determinante del successo aziendale di oggi.

6 anni di lavoro

Google ha iniziato a dare la preferenza al ranking di ricerca alle pagine Web utilizzando AMP nel 2016. La tecnologia AMP ha consentito agli sviluppatori di creare pagine Web che si caricano più velocemente sui dispositivi mobili. Ma ottenere risultati più rapidi ha richiesto uno sforzo considerevole da parte degli sviluppatori di quelle pagine web. Dall’introduzione di AMP, le nuove tecnologie, in particolare il popolare Next.js, hanno portato non solo alla capacità di migliorare le prestazioni del sito Web, ma hanno anche migliorato l’esperienza degli sviluppatori.

L’anno scorso, Google e il Web Performance Working Group hanno introdotto Core Web Vitals per monitorare come gli utenti sperimentano le prestazioni dei siti web. Core Web Vitals misurano gli aspetti delle prestazioni del sito Web che sono uniformemente critici per l’esperienza dell’utente. Google ha cercato di istruire gli sviluppatori su come creare per il Webapplicazioni più veloci. In definitiva, le pagine più veloci offrono un’esperienza migliore per gli utenti di Google, ed è qui che stavano cercando di aiutare a spingere la comunità degli sviluppatori.

Agli sviluppatori non è piaciuto molto. Non gli piaceva dover aggiungere il codice specifico di Google alle loro applicazioni. Ha creato un po’ di contraccolpo a riguardo“, ha detto Robinson a TechNewsWorld.

Google ha capito che l’obiettivo principale era quello di creare siti Web veloci e ha spostato la sua attenzione sulla fornitura di un’applicazione migliore che chiamano Core Web Vitals. Essenzialmente è un modo diverso per misurare le prestazioni di un sito web in termini di ciò che Google sta cercando. Google ha esaminato i milioni di pagine web e ha creato metriche sul rendimento per tutte queste pagine. Se un sito web passa nel verde su tutti questi elementi vitali, Google lo classificherà più in alto rispetto ai concorrenti di quell’azienda. Questo processo è in corso da alcuni anni. Il gigante della ricerca lo ha annunciato in silenzio alcuni anni fa, facendo sapere agli sviluppatori che stavano arrivando cambiamenti all’algoritmo di ricerca.

Google metaforicamente “ha attivato l’interruttore il mese scorso”.

In genere, a nessuno importa davvero finché non accade davvero. Ora le classifiche stanno cambiando mentre il nuovo algoritmo cerca quei nuovi indicatori di importanza vitale del web

Come aiuta il nuovo algoritmo

Core Web Vitals segue questi obiettivi creando un piccolo insieme di metriche specifiche e ben definite che possono essere utilizzate da Ricerca Google e altre proprietà per misurare le prestazioni del sito: queste metriche sulle prestazioni sono definite specificamente per combattere i problemi di UX mobile esistenti sul Web. Ad esempio, la metrica First Contentful Paint (FCP) ha lo scopo di misurare la velocità di caricamento della pagina: sui dispositivi mobili, la velocità di Internet è spesso più lenta, quindi il caricamento della pagina è una considerazione molto più significativa. Il First Input Delay (FID) fornisce il primo feedback all’utente che la pagina si sta effettivamente caricando.

Il FID ha lo scopo di misurare la reattività all’input dell’utente. Nessuno vuole vedere una pagina caricarsi rapidamente, toccare un elemento dell’interfaccia utente e quindi attendere più secondi per una risposta, motivo per cui le metriche sono necessarie. La metrica FID aiuta a misurare la prima impressione di un visitatore web sull’interattività e la reattività del sito.

Infine, la metrica Cumulative Layout Shift (CLS) ha lo scopo di misurare la presenza di ciò che in precedenza era chiamato “jank” e ora è chiamato spostamento del layout. Questa è l’esperienza di spostare i target di clic/tocco di una pagina mentre interagisci con la pagina. È uno dei punti deboli più frustranti per gli utenti mobili.

Lighthouse è uno strumento creato da Google specificamente per fornire feedback utili agli sviluppatori web in relazione a prestazioni, SEO, accessibilità e altre aree mirate di miglioramento dell’ecosistema.  https://developers.google.com/web/tools/lighthouse

Google, Posizionamento Google, Ranking Google, Consulenza Posizionamento Google, Posizionamento Google Consulente, Posizionamento Google Consulenza

Previous Post Previous Post
Newer Post Newer Post

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando qualunque suo elemento o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi